marta mainieri

   R                                   

18 dicembre 2007


L'energia rinnovabile di Afromusing

Afromusing è il blog Juliana, una ragazza di origine kenyota che si definisce “anima globale e fan assoluta della tecnologia e dell’energia rinnovabile”. E proprio di tecnologia e di energia solare in Africa parla nel suo diario online, che, inutile a dirsi si appoggia a una piattaforma alimentata esclusivamente da energia eolica. Juliana, presentandosi, scrive che crede fermamente in un nuovo secolo tutto africano infatti, in questo post, racconta due fatti, apparentemente distanti, ma invece entrambi indizi di un’Africa in movimento alla quale lei sebbene viva a Chicago dice di continuare a rimandare il cuore.

Capetown usa semafori ad energia solare per far fronte ai tagli di energia. Come dice Rory (un altro blogger) è un ottimo modo di usare l’energia solare per usi comuni. E’ così sensato questo modo di utilizzare questa tecnologia solare che, spero, l’esempio del Sud Africa sia presto imitato anche da altri paesi. Mi piace immaginare tutte le strade di ...(inserisci un paese a tuo piacimento) con luci, segnali stradali, semafori alimentati direttamente dal sole. Tutto questo riscalada il cuore, vero?

Nel caso non abbiate sentito, poi, Ngozi Okonjo Iweala è stata nominata a capo della banca mondiale! Vorrei solo dire, brevemente, che la sua nomina è fantastica, perché è il segno di una nuova direzione della banca mondiale e della sua politica verso i paesi in via di sviluppo. Se si ascolta il discorso che Ngozi Okonjo Iwela ha tenuto alla TED Global Conference dello scorso giugno ad Arusha, in Tanzania, si può capire quanto le sta a cuore il tema degli aiuti economici, dello sviluppo commerciale e di un’Africa che sappia provvedere a se stessa. Spero che le verrà darà la possibilità di ridefinire i rapporti fra la Banca Mondiale e i paesi in via di sviluppo in modo che si possa dar forma a un nuovo capitolo della storia di un’Africa sana, sorridente e bella.